A cura del Dott. Attanasio
Iscritto all’Ordine dei Medici di Roma – Posizione M47848

Home Forums Acufeni Acufeni – Metofo tomatis o neuroptimal?

Questo argomento contiene 2 risposte, ha 2 partecipanti, ed è stato aggiornato da  samas 6 mesi fa.

Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #4450

    samas
    Partecipante

    Buongiorno dottore,
    soffro di acufeni da qualche mese, nessun danno organico riscontrato da visita audiologica, impedenzometrico, fibroscopia, evocato uditivo nella norma. Unico valore sballato riscontrato omocisteina alta, che ho opportunatamente fatto scendere.
    Le volevo chiedere sembra impossibile qui a Milano trovare qualcuno di affidabile, mi sa consigliare? Credo che il mio acufene sia stato creato da una situazione stressante. Sembra che con il passare del tempo migliori sto facendo terapia di arricchimento sonoro notturno con una soundball. Faccio sport e ho corretto alimentazione, e ho ripreso a dormire.
    Uniche proposte oltre al cortisone iniziale che non ha avuto successo nel mio caso, sono state il metodo tomatis e neuroptimal dinamico. Lei cosa ne pensa?

    #4452

    Dott. Attanasio
    Moderatore

    In assenza di patologie dimostrate a livello uditivo bisogna indagare altre strade, per esempio la disfunzione dell’articolazione temporo-mandibolare oppure la tensione dei muscoli cranio cervico facciali. Se anche queste valutazioni risultano normali, io in genere inizio una terapia medica specifica della durata di circa tre mesi e solo dopo, in caso di inefficacia della terapia, propongo un percorso psico-sensoriale e comportamentale. Non utilizzo il metodo Tomatis né tantomeno il neuroptimal dinamico perché sono training che riguardano più l’aspetto della comunicazione audio-verbale, mentre credo che fra tutti i metodi proposti quello della mindfullness sia più specifico e più efficace, in quanto si basa proprio sull’aspetto principale da raggiungere nei pazienti con acufeni, cioè la distrazione dell’attenzione sul sintomo. A Roma ci sono corsi specifici per i pazienti con acufene ma non saprei dirle a Milano.

    #4475

    samas
    Partecipante

    Buogiorno dottore,
    dunque volevo un suo parere, sto facendo terapia sonora da circa 3 mesi con buoni risultati, il sintomo adesso e meno forte, certe volte mi sembra di non averlo, aumenta nei momenti di maggior stanchezza e stress. Ho fatto ecodoppler tutto nella norma, ho fatto visita gnatologica sotto suggerimento dell’otorino in un centro rinnomato a Milano mi ha riscontrato una maleocclusione dentale, dalla quale potrebbe dipendere l’acufene, mi ha suggerito elettromiografia e valutazione per bite, o eventale apparecchio.
    Lei Che ne pensa?
    Inoltre mi è stato tolto un molare inferiore sinistro a causa di un ascesso e mi è parso che l’acufene sia diminuito di intensità.
    Lei mi suggerisce di provare con il bite?
    La terapia sonora va continuata per diversi mesi è corretto.
    Un caro saluto

    Samantha
    Un caro saluto
    Samantha

Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.