A cura del Dott. Attanasio
Iscritto all’Ordine dei Medici di Roma – Posizione M47848

Home Forums Acufeni Acufene dopo piscina

Questo argomento contiene 2 risposte, ha 3 partecipanti, ed è stato aggiornato da  Dott. Attanasio 6 mesi, 2 settimane fa.

Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #4439

    Sarah
    Partecipante

    Buongiorno.
    Sono una signora di 51 anni e ieri sono stata per qualche ora in una piscina termale. Ho nuotato, anche sott’acqua, e ho usato le varie postazioni idromassaggio che interessano anche la zona cervicale e la testa.
    Questa notte, svegliandomi, mi sono resa conto di avere un forte acufene (come un sibilo) all’orecchio sinistro, che avverto anche come lievemente ovattato. Stanotte mi è stato difficile riaddormentarmi per il fastidio e la situazione non sembra migliorare con il passare delle ore.
    Non ho mai avuto in precedenza nessun problema alle orecchie, ci ho sempre sentito benissimo e non produco cerume visibile.
    Non ho l’impressione che ieri mi sia entrata acqua acqua nell’orecchio sinistro ma mi chiedo se l’acufene possa essere stato causato proprio da questo e se quindi posso fare qualcosa per risolvere il problema.
    Grazie infinite per l’attenzione.

    #4443

    elisafaggioni
    Partecipante

    Buongiorno Sara,
    Ho lo stesso identico problema, dopo un bagno in una piscina termale il giorno seguente ho avuto i miei primi acufeni.
    Mi sa dire cosa le è successo? Le sono passati ?
    Grazie della risposta
    Elisa

    #4444

    Dott. Attanasio
    Moderatore

    L’insorgenza di un acufene dopo terapie termali è possibile e si crede possa essere dovuto a fenomeni di vasocostrizione e successiva dilatazione con formazione di sostanze ossidanti. In genere tende a ridursi in maniera spontanea e poi ad essere rimosso, ma qualche volta dura un po’ più a lungo e attiva quei meccanismi di amplificazione e di memorizzazione che ostacolano la sua rimozione cerebrale. È utile effettuare un esame audiometrico per verificare una eventuale sofferenza del sistema uditivo e iniziare rapidamente una terapia cortisonica e antiossidante. Ovviamente la valutazione specialistica deve sempre precedere l’inizio della eventuale terapia medica.

Stai vedendo 3 articoli - dal 1 a 3 (di 3 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.