A cura del Dott. Attanasio
Iscritto all’Ordine dei Medici di Roma – Posizione M47848

Home Forums Acufeni Acufene aumentato dopo malattia

Questo argomento contiene 1 risposta, ha 1 partecipante, ed è stato aggiornato da  Pippo 5 mesi fa.

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)
  • Autore
    Articoli
  • #4478

    Pippo
    Partecipante

    Gentile Dottor. Attanasio,
    Sono un uomo di 41 anni, in leggero sovrappeso, non ho mai avuto traumi all’udito, né infezioni degne di nota, gli ultimi esami indicano una capacità uditiva in linea con l’età e mostrano un orecchio sano. Le scrivo per un acufene che percepisco “nella testa” in modo che spesso diventa poco sopportabile.
    Quattro o cinque anni fa, mi resi conto che nel silenzio assoluto ero capace di udire un flebile sibilo. Non ci feci assolutamente pensiero e per gli anni successivi non ho mai pensato che potesse essere un problema. Ho sempre adorato il silenzio e ci sono sempre stato molto volentieri in meditazione, riposo e preghiera.
    In questo inverno ho accusato un lieve ma prolungato problema al naso, alla gola e alle orecchie. Mi spiego. Ho avuto dei problemi respiratori legati all’infiammazione dei seni nasali e alla produzione di muco, contestualmente alla presenza di orecchie tappate e all’aumento di questo fischio. Inoltre avevo una tosse insistente e violenta che però non produceva catarro o altre secrezioni.
    Dopo mesi di analisi e visite e tentativi, un medico è riuscito a trovarmi una soluzione per la gola, che sembrava arrivare da un problema di reflusso. Il naso con l’arrivo della bella stagione e l’uso di spray cortisonici si è stappato e ora respiro benissimo, le orecchie, grazie all’aerosol fatto con acido ialuronico si sono stappate, lasciandomi con questo fischio persistente, continuo e costante che io sento (ma non ne sono sicuro) essere parente di quello che era il lieve sibilo che sentivo anni fa, ma che è decisamente più forte dei rumori ambientali, tanto da distrarmi e crearmi apprensione.
    Mi sveglio e c’è, mi addormento mentre lo sento. Se passo una serata di svago al ristorante me lo dimentico, ma poi entro in macchina e lo risento.
    Nel periodo che mi hanno cercato di curare la tosse, sbagliando diagnosi, ho preso antibiotici e antiinfiammatori, non ho problemi di pressione e non prendo alcun farmaco per nessuna patologia. Sono un paio di settimane che non sento alcuna variazione in questo sibilo, bilaterale e, ripeto, fisso.
    Non fumo, non prendo più di 1 caffè al giorno e (prima dei problemi respiratori) facevo una moderata attività di nuoto in piscina.
    Sto iniziando adesso a muovermi nel mondo dell’acufene e sono perplesso dalla sua varietà e soprattutto dal conflitto tra le cure, spero che lei possa aiutarmi a mantenere l’equilibrio che ho paura di perdere.

    #4479

    Pippo
    Partecipante

    Dimenticavo: due anni e mezzo fa, durante un periodo che ero raffreddato, nel cercare di soffiarmi il naso sentii un piccolo colpo dentro l’orecchio sinistro e persi completamente l’equilibrio, mi aggrappai forte al lavandino e per alcuni istanti, con vertigini forti, non fui in grado di stare in piedi. Dopo alcuni minuti però tutto era passato e non era rimasta traccia dell’accaduto. Anche l’udito era normale e non ho mai più avuto episodi del genere.
    Per completare, ho spesso la sensazione di orecchio pieno. come se qualcuno mi ci tenesse delle dita a premere da dentro.

Stai vedendo 2 articoli - dal 1 a 2 (di 2 totali)

Devi essere loggato per rispondere a questa discussione.