A cura del Dott. Attanasio
Iscritto all’Ordine dei Medici di Roma – Posizione M47848
  • La sfida della
    ricerca sperimentale

  • L’impegno della
    formazione continua

  • L’esperienza
    dell’assistenza clinica

  • La forza della
    conoscenza

  • La completezza di
    un gruppo multidisciplinare

In primo piano..

Forum

Il Dott. Attanasio risponde alle domande sulle patologie di pertinenza otoneurologica (acufeni, ipoacusia e vertigini). Registrati e partecipa.

Acufeni

Quali sono le cause e i fattori di rischio. Come si fa la diagnosi e quali sono le terapie più efficaci. Il ruolo della terapia sonora e comportamentale.

Vertigini

L’ inquadramento diagnostico. La terapia medica, chirurgica, fisica e riabilitativa. Le manovre liberatorie nella forme posizionali.

Ipoacusia e protesi

Tipi e gradi di ipoacusia. Come si fa la diagnosi. Le terapie mediche, chirurgiche e riabilitative. Dalla protesi tradizionale all’impianto cocleare.

Video

I filmati e le interviste del dott. Attanasio e di altri specialisti sullo stato dell’arte delle patologie ORL e sui progressi della ricerca scientifica.

Otoiatria.it

Vai al sito personale del dott. Attanasio per conoscere i dettagli della sua attività.

Le nostre pubblicazioni

I programmi di ricerca e gli studi clinici pubblicati sulle riviste internazionali dal gruppo del dott. Attanasio negli ultimi anni.

Acufeni.net ONLUS

Sostieni i progetti scientifici e le iniziative di formazione e di sensibilizzazione della nostra Associazione.

Le strategie sonore e comportamentali

F.A.Q.

  • L’acufene può scomparire?

    Si: la maggior parte degli acufeni scompare spontaneamente nell'arco di alcuni giorni o settimane dall'insorgenza. I restanti casi possono essere trattati con terapie di buona efficacia.
  • Perché spesso sento dire che sono incurabili?

    Bisogna distinguere tra processo di rimozione spontanea (frequente) e cure disponibili. Diciamo subito che la “pastiglia” per far passare l’acufene esiste solo in pochi casi. Esistono terapie che aiutano a migliorare il processo di rimozione o la tollerabilità al disturbo. Inoltre la reazione emozionale all’acufene è già un punto molto importante su cui lavorare.
  • Esiste una terapia chirurgica?

    In alcuni casi l’acufene è il sintomo di una malattia che necessita di terapia chirurgica. In molti casi l’intervento risolve la patologia (per es. otosclerosi, neurinoma, conflitto neuro-vascolare,…) ma non c’è mai la garanzia che anche l’acufene scompaia.
  • Il mio medico mi ha detto che non ci si può fare nulla.

    L’acufene è un sintomo e non una malattia e compare in molte patologie. A tutt’oggi sono pochi gli specialisti che se occupano in modo dedicato. Suggeriamo di rivolgersi ad uno specialista dell’acufene anziché al medico o otorino “generico” che non si occupi specificatamente di acufeni.
  • Mi sembra impossibile che non ci sia una cura. Come mai?

    L’acufene è oggetto di numerosi studi da parte di molti ricercatori e di numerose case farmaceutiche. Oggi se ne sa molto di più anche solo rispetto a dieci anni fa. Se in passato le terapie puntavano quasi esclusivamente a migliorare la tollerabilità al sintomo oggi si lavora attivamente alla sua rimozione.
Continua a leggere..

Cosa fare (e non fare) se ho gli acufeni

  • Rivolgersi il prima possibile ad uno specialista in materia

    Non ci si deve fermare al primo medico che ci dice “non c’è nulla da fare” in quanto non è vero. Bisogna distinguere tra processo di rimozione spontanea (frequente) e cure disponibili. Diciamo subito che la “pastiglia” per far passare l’acufene esiste solo in pochi casi. Esistono terapie che aiutano ad attivare il processo di rimozione e a migliorare la tollerabilità al disturbo. Inoltre la reazione emozionale all’acufene è già un punto molto importante su cui lavorare.
  • Evitare cure ‘fai da te’, assumendo farmaci non prescritti da medici

    I siti Internet sono ricchi di raccomandazioni di cure farmacologiche, omeopatiche e quant’altro ma ricordiamo che l’acufene è di per se stesso un sintomo causato da molte e diverse patologie. Non è quindi corretto intraprendere alcuna cura se prima non si identifica la causa del proprio acufene. Per fare questo è fondamentale la visita ed il supporto dello specialista.
  • Evitare di cercare insistentemente l’acufene o valutarlo in continuazione

    In questo modo si acuisce il sintomo e lo si intensifica cerebralmente. Non significa non sentirlo (cosa peraltro difficile) ma non elaborarlo emotivamente.
  • Evitare il silenzio assoluto

    Arricchire l’ambiente con suoni neutri specialmente durante la notte. Sono disponibili molti sistemi per farlo, il nostro sito ha una sezione dedicata alle tracce audio da scaricare (download).
Continua a leggere..

CONGRESSO

Il dott. Attanasio docente al Congresso SIO

SIO_2014

Per ulteriori informazioni leggi qui.

Forum

AVVERTENZA SUL FORUM

Il forum è strutturato come consultazione specialistica con il dott. Attanasio e non come forum di interazione tra pazienti.
Pertanto non è consentito agli utenti rispondere ai post inviati al dott. Attanasio. Per partecipare occorre registrarsi qui.

AVVERTENZA SUL SITO

I consigli forniti in questo sito devono essere intesi semplicemente come suggerimenti di comportamento. Eventuali decisioni che dovessero essere prese dai LETTORI, sulla base di tali consigli sono assunte in piena autonomia decisionale e a loro rischio. Leggi qui per saperne di più.

Contattaci:

Arricchimento sonoro

L’ arricchimento sonoro è una vera e propria terapia derivata dalla TRT che consiste in una costante stimolazione del sistema uditivo attraverso l’utilizzo di suoni neutri (né piacevoli né fastidiosi) di moderata intensità come sottofondo.

Dovrebbe essere eseguito da tutti coloro che soffrono di acufene, indipendentemente dalle altre terapie seguite; spesso aiuta a ridurre il volume dell’acufene, in alcuni casi può contribuire a rimuoverlo completamente.

Continua a leggere...

Clicca qui per scaricare alcune TRACCE AUDIO selezionate da noi per l’arricchimento sonoro diurno e notturno.

Collaboratori